STEPPING STONE – MEMORIAL “MARISA CONTARDI”


4ª edizione

La manifestazione, dedicata esclusivamente al portfolio fotografico, è una vera e propria sfida: 3 tappe e relativi tre temi, con formula eliminatoria.
Una apposita commissione provvederà a selezionare i 15 migliori lavori della prima tappa, che darà accesso agli autori a partecipare alla seconda.
La selezione successiva porterà a 7 gli autori che potranno contendersi la vittoria finale.
Per la terza ed ultima tappa la selezione verrà effettuata dai lettori portfolio presenti a Sirene.
L’autore che si aggiudicherà la vittoria avrà diritto ad esporre il lavoro premiato presso la prestigiosa sede della Civica Fototeca Nazionale città di Sesto San Giovanni “Tranquillo Casiraghi” – GALLERIA FIAF, nel mese di dicembre dell’anno successivo al concorso.
Verrà inoltre stampato, a spese dell’organizzazione, un libro-catalogo a colori personalizzato in occasione della mostra.
La partecipazione è aperta a tutti (esclusi i soci del GFS); per informazioni e iscrizioni mandare una e-mail a: info@gieffesse.it .

Vincitore edizione 2018

Cristian Gelpi – Superstore Superstar

Sotto le luci della ribalta c’è un paese di circa 7000 anime,
dove la concentrazione di grandi catene regine del
consumismo è esagerata, è senza senso, è una distesa di
cemento a cielo aperto, piena di luci e di colori come se fosse
il paese dei balocchi ma…
il Comune
dice che però la città è moderna
Cit. Adriano Celentano (l’albero di 30 piani)

Vincitore edizione 2017

Maria Luisa Lamanna – Al netto della neve

Lungo il mosaico nero della prepotenza si scorge la tua figura lucente, Donna.
L’ingiustizia modella la curva delle tue spalle forti e costringe a studiare i tuoi passi, per reazione alzi la testa e chiudi gli occhi.
È il suono del silenzio, è tanto bianco.
È il suono del silenzio, è troppo nero.
È il silenzio, e ha gli occhi chiusi.
Non dorme e non sogna, aspetta il bagliore dell’innocenza che emerge decorando il risveglio.
Osserva, il silenzio ha aperto gli occhi.
Sono occhi neri d’eclissi di un silenzio che si svela come l’oscurità al netto della neve. Ascoltalo, Donna. Il suo sguardo è oratore mite e la tua verità la sua eloquenza.

Vincitore edizione 2016

Paola Rizzi – Il volto e l’anima (dittico)

Arriva un punto della nostra vita in cui i ricordi pesano più dei sogni e le fragilità prendono forma attraverso malattia e solitudine.

Il progetto il volto e l’anima si sviluppa in una casa di riposo dove per diversi mesi
ho seguito 12 ospiti che hanno acconsentito non solo ad essere fotografati ma di trascorrere del tempo insieme a me. La necessità di andare oltre al ritratto
mi ha spinto ad esplorare la vecchiaia fino a sentirne la paura.
Se la giovinezza dona il senso di immortalità la vecchiaia porta con se la certezza di giorni contati, ed è in quei giorni limitati dal tempo che affiora non solo la magia dei
ricordi ma l’essenza di quello che si è stati e si è….l’anima.